Glossario SEO: le parole utili

glossario SEO

In questo articolo diamo un primo glossario SEO: alcune definizioni dei termini che si incontrano più spesso parlando dell’argomento. Per consolidare le tue conoscenze di base, oltre a questo glossario, puoi leggere anche Tutta la SEO in 6 punti fondamentali.

Non è stato facile scegliere fra i vari termini tecnici in uso quali definire per primi. È probabile che aggiorneremo questo elenco di tanto in tanto, così da includere sempre più informazioni utili alle persone che si approcciano a questo tema.

Ecco qui le parole che abbiamo selezionato per un primo glossario SEO:

Keyword

Chiamate anche parole chiave, rappresentano i termini di ricerca inseriti su Google (o altro motore) che restituiscono risultati in SERP.

SERP

È l’acronimo di Search Engine Result Page: è la pagina di risposta del motore di ricerca in seguito a una determinata parola chiave.

Negli anni è molto cambiata: agli inizi era solo un elenco di risultati (circa una decina) suddivisi tra organici (naturali, scelti dall’algoritmo del motore di ricerca) e a pagamento. Oggi, invece, la SERP è una costellazione di elementi di diversa forma. Nella pagina dei risultati di ricerca, infatti, possiamo trovare:

  • immagini
  • video
  • recensioni e valutazioni
  • sitelink
  • mappe e risultati locali
  • annunci di Google Ads
  • annunci di Google Shopping
  • caroselli
  • ricette
  • FAQ
  • elenchi
  • snippet estesi (chiamati anche featured snippet)
  • notizie
  • ecc…
glossario seo definizione serp cos'è

Insomma la SERP non è composta solamente dal tradizionale snippet.

Snippet

È il risultato di ricerca, tradizionalmente composto da titolo, descrizione e URL e che ora assume, a volte, forme diverse:

  • Rich snippet, letteralmente “risultato arricchito”. Contiene informazioni aggiuntive, come per esempio le stelline delle recensioni o il prezzo di un prodotto, a seconda dei dati strutturati inseriti nel codice (vedi il paragrafo su Schema.org più in basso).
  • Featured snippet, detto anche snippet in primo piano. È un risultato di ricerca che si trova nella parte alta della SERP organica e anticipa la risposta alla query di ricerca digitata dalla persona. Può essere formato da un paragrafo più completo della breve descrizione tradizionale, un elenco puntato oppure una tabella.
glossario SEO definizione snippet cos'è

Per scrivere titolo e descrizione i motori di ricerca utilizzano le informazioni contenute nel title e nella meta description della pagina web in questione. Questi campi sono chiamati meta tag.

Meta tag

I meta tag sono dei tag HTML che aiutano i motori di ricerca e i browser a ricevere delle informazioni sulla pagina web. Queste informazioni non sono visibili alle persone che navigano il sito, browser e crawler le usano per interpretare correttamente il contenuto che viene rappresentato nella pagina. Ecco perché sono rilevanti lato SEO. 

I più significativi da questo punto di vista sono:

  • Tag title e meta description: titolo e descrizione della pagina che possono essere usati dal motore di ricerca per comporre lo snippet.
  • Meta tag robots: utilizzato dai motori di ricerca per avere informazioni sull’indicizzabilità della pagina e lo scansionamento dei link contenuti in essa.
  • Rel canonical: elemento che consente di indicare al motore di ricerca la pagina “canonica” (la più importante, quella che deve essere indicizzata) tra un elenco di pagine duplicate o potenzialmente duplicate.

I meta tag si trovano nella parte iniziale del codice di una pagina, quella compresa nel tag HTML <head>.

SEO, SEM, Analytics: un minicorso gratis per te

4 lezioni con video ti insegnano a farti trovare da chi sta cercando te o le cose che fai; per riceverle lascia il tuo indirizzo email.

Sono i collegamenti (link) che un sito riceve da siti “terzi”. È importante conoscere questo termine perché indica uno dei fattori più significativi che Google considera per il posizionamento organico sul motore di ricerca. Allo stesso tempo, è uno degli elementi che può causare una penalizzazione, cioè un’azione da parte del motore di ricerca per ridurre la visibilità organica di un sito o pagina a fronte di un’azione scorretta (secondo le linee guida di Google). 

Redirect

È la funzione con cui indichiamo al crawler del motore di ricerca, e agli utenti, che una pagina (URL) si trova a un indirizzo diverso da quello originario. Usiamo i redirect quando cambiamo il dominio di un sito web, la sua struttura o la piattaforma con cui è stato creato. L’applicazione dei redirect è fondamentale per non incorrere in errori 404.

Errori 404

Il codice 404 è la risposta del server alla richiesta di una risorsa non (più) trovata, fatta da una persona, un browser o un motore di ricerca. 

I codici 404 non sono necessariamente un male, tenerli monitorati è un’attività necessaria per mantenere il sito web in “salute”.

Ne parlo meglio in questo articolo del blog di MOCA (sì, questo qui è un backlink 🤗).

Indicizzazione e posizionamento

Indicizzazione: quando un sito o una pagina web vengono inseriti all’interno del database di un motore di ricerca.

Posizionamento: la visibilità che la pagina o il sito acquisisce a fronte dell’indicizzazione e di una valutazione da parte del motore di ricerca.

Spesso queste due parole vengono confuse tra loro, ma di fatto una è la conseguenza dell’altra. Se il mio sito si posiziona significa che è indicizzato, ma l’indicizzazione non garantisce il posizionamento.

Schema.org

Si tratta di una libreria di codici HTML che aiuta a comprendere il significato semantico di ciò che viene inserito nel contenuto di una pagina web. 

Questa libreria di dati, chiamati anche dati strutturati, nacque nel 2011 da un accordo tra Google, Microsoft, Yahoo! e Yandex. Queste grandi aziende del web avevano l’obiettivo comune di definire un vocabolario di istruzioni che, una volta utilizzate nel codice della pagina, aiutassero a comprendere il reale significato del contenuto della pagina.

Si possono indicare tantissime tipologie di dati. Qualche esempio tra le più comuni, utilizzate e comprese dal motore di ricerca:

  • Articoli
  • Eventi
  • Prodotti
  • Persone
  • Organizzazioni
  • Attività Locali
  • Recensioni
  • Ricette
  • Offerte di lavoro.

I dati strutturati di Schema.org potrebbero essere utilizzati poi per presentare risultati di ricerca arricchiti di informazioni.

Sul sito ufficiale schema.org ci sono tutti i dati che possono essere utilizzati nel codice HTML di una pagina web. Nel blog di Google invece ci sono le indicazioni sul loro utilizzo, ai fini di migliorare la presentazione dei risultati di ricerca attraverso i dati strutturati.

Qui invece riporto un articolo che ho scritto sul tema dati strutturati e sulla nostra esperienza di utilizzo.

glossario SEO definizione schema.org cos'è

Foto di Diggity Marketing su Unsplash.

Entra nella community di
Digital Update!

Riceverai gratuitamente:

No grazie!