In realtà se penso alla mia vita “prima di Twitter”, mi sembra non sia mai esistita. Difficile trovare una piattaforma altrettanto agile, veloce, rilevante (posto di seguire persone effettivamente interessanti, certo). E che abbia marcato, in questi anni, la nostra storia: scoop, foto epiche, elezioni presidenziali: è passato tutto da qui. Se volete un promemoria, ecco i 10 tweet più retwettati di sempre.

Personalmente, oltre all’immediatezza, trovo bellissimo il meccanismo gerarchico: non sei obbligato a seguire chi ti segue, non c’è la reciprocità di Facebook e neppure la connessione per amicizia, vera o presunta che sia. Si segue chi scrive cose rilevanti e interessanti, sulla base di interessi comuni; in qualche modo è meritocratico. E la fuffa tipica di altri social, grazie allo spazio limitato, è ridotta di molto.

La novità che aspetto? L’arrivo anche in Italia di Moments, selezione dei fatti del giorno curata in tempo reale da un team interno insieme ad alcuni partner tra cui New York Times, Vogue e la Nasa. Al momento è disponibile solo negli Usa; quando arriverà anche da noi, spero presto, vedremo sullo smartphone l’icona di una saetta.

moments

 

Fra le novità, un sospiro di sollievo per chi, come me, di Twitter ama la sintesi. Qui l’articolo che riporta l’annuncio di Dorsey fatto al Today Show Friday della Nbc: nonostante le indiscrezioni dei mesi scorsi, che parlavano di allungare i tweet fino a 10.000 caratteri, snaturando la piattaforma, i cinguettii rimarranno brevi e incisivi, per fortuna.

E poi, forse non sapete che i simboli distintivi di Twitter, @ # e RT, non esistevano all’inizio. Che Twitter ha un motore di ricerca interno potentissimo (e utilissimo) e che per non impazzire tra gli aggiornamenti della timeline possiamo organizzare le persone che seguiamo in Liste. Che ci sono strumenti gratuiti, come Twitonomy, per analizzare il nostro account. Ma anche quelli altrui. Che la rapidità dello strumento può indurre in errore, è vero; ma abbiamo molti tool gratuiti (oltre al buon senso, sempre disponibile) per smascherare bufale e account fake. In una parola: fare factchecking.

Entra nella community di
Digital Update!

Riceverai gratuitamente:

No grazie!